Infertilità femminile: i sei problemi più frequenti

Infertilità femminile: i sei problemi più frequenti

12/04/2017

Infertilità femminile: i sei problemi più frequenti

Attualmente, gran parte dei problemi di fertilità è dovuta all'età avanzata alla quale molte donne decidono di diventare madri, ma esistono molti altri problemi che possono creare difficoltà e che sono poco conosciuti o possono passare inosservati. In questo post ti spieghiamo quali sono i più comuni e quali opzioni terapeutiche sono disponibili per ciascuno di essi.

  1. Bassa qualità o produzione insufficiente di ovuli: la quantità e la qualità dei nostri ovuli si riduce progressivamente a partire dai 35 anni, così come la possibilità di conseguire una gravidanza. Di fatto, tra i 40 e i 45 anni le possibilità di rimanere incinta in modo naturale non superano il 5%.
    Quali sono le soluzioni? Se la produzione di ovuli è insufficiente si possono eseguire più cicli di stimolazione per accumulare ovuli e aumentare la possibilità di una gravidanza. Tuttavia, se il problema risiede nella qualità, può essere necessario ricorrere a una donatrice.
  2. Problemi legati all'ovulazione: possono essere causati da alterazioni ormonali, come la sindrome dell'ovaio policistico, disturbi dell'asse ipotalamo-ipofisario e malattie della tiroide. Altre cause possibili risiedono nella diminuzione della riserva ovarica o in una menopausa precoce.
    Quali sono le soluzioni? Molti disturbi endocrini possono essere tenuti sotto controllo attraverso terapie ormonali, ma è importante effettuare una diagnosi precoce e non rimandare la maternità.
  3. Fallimenti dell'impianto: con l'età aumenta il rischio di aborto o di anomalie cromosomiche, ebbene talvolta gli aborti possano verificarsi anche in donne giovani. È necessario quindi verificare se la causa è legata ad alterazioni cromosomiche di un componente della coppia (o di entrambi) o a disturbi che riguardino il sistema immunitario.
    Quali sono le soluzioni? La cosa migliore è effettuare una serie di analisi che aiutino a stabilire la causa e a porre una diagnosi per individuare l'opzione più adeguata.
  4. Problemi strutturali dell'apparato riproduttivo: fibromi, miomi, polipi, malformazioni uterine, ostruzione delle tube di Falloppio o malattie come l'endometriosi.
    Quali sono le soluzioni? Questi problemi possono essere individuati tramite un'ecografia ginecologica e con il contributo di personale esperto oppure con uno studio preventivo della fertilità, e possono richiedere un intervento di tipo chirurgico.
  5. Infezioni: molte infezioni sessualmente trasmissibili come la clamidia possono compromettere la fertilità.
    Quali sono le soluzioni? La maggioranza è trattabile con antibiotici, ma è importante che siano ben curate per evitare che ricompaiano o che possano favorire l'insorgenza di altri problemi.
  6. Malattie croniche e alcune terapie: diabete, ipotiroidismo, obesità, depressione e trattamenti come la chemioterapia possono avere conseguenze sulla fertilità.
    Quali sono le soluzioni? In generale, e se la malattia è tenuta sotto controllo medico, conseguire una gravidanza non è impossibile. Tuttavia a volte, come nei casi di cancro, si raccomanda di ricorrere alla conservazione degli ovuli prima di iniziare la chemioterapia. In questi casi e nel nostro centro questa possibilità viene offerta in modo gratuito.

 

Torna a Ultime notizie

Condividi

Go to top