Un'età paterna avanzata può avere conseguenze sulla fertilità

Un'età paterna avanzata può avere conseguenze sulla fertilità

20/09/2017

Un'età paterna avanzata può avere conseguenze sulla fertilità

Sono sempre più frequenti gli uomini che diventano padri per la prima volta o meno a un'età avanzata. I motivi sono molteplici: da un lato il ritardo della maternità delle donne e dall'altro le crisi del matrimonio e della coppia che favoriscono l'instaurarsi di nuove relazioni che culminano con la nascita di uno o più figli. Molti hanno dovuto ricorrere alle tecniche di riproduzione assistita, ma in generale il declino della fertilità maschile è un argomento scarsamente affrontato.

Nonostante ciò, gli studi evidenziano che gli spermatozoi di un uomo che si avvicina ai 60 anni non hanno lo stesso potenziale di fertilità di quelli di un giovane di 25 anni, in quanto a partire dai 45 anni la loro capacità di fecondare un ovulo e contribuire allo sviluppo di una gravidanza attraverso il coito si riduce. Per quale motivo? Innanzi tutto, è stato dimostrato che l'invecchiamento ha effetti sulla produzione di ormoni e spermatozoi e sebbene questo aspetto richieda ulteriori approfondimenti, sono disponibili dati e risultati per cui è possibile affermare che questo processo può indurre alterazioni a livello molecolare nello spermatozoo, come accade con qualunque altra cellula del nostro organismo, che interessano la sua funzionalità; esiste inoltre un maggiore rischio di mutazioni genetiche de novo, vale a dire non di origine ereditaria, nella prole, inclusa una correlazione con lo sviluppo di disturbi neurocognitivi.

L'invecchiamento è un processo irreversibile sul quale lo stile di vita e la genetica possono influire, ma in misura relativa. Per questo motivo è fondamentale che, al momento di concepire un figlio, gli uomini che abbiano superato i 45 anni richiedano una controllo con uno specialista in andrologia, poiché il rischio di determinate malformazioni multifattoriali nei figli è significativo quando l'età del padre è maggiore di 50 anni. Di fatto, nella coppia di età avanzata molti aborti e molte difficoltà a conseguire una gravidanza sono dovuti precisamente ad alterazioni genetiche che rendono difficile lo sviluppo dell'embrione, e oggi sappiamo che il fattore maschile può avere un'influenza in questo senso.

 

Torna a Ultime notizie

Condividi

Go to top