Campione seminale

Il giorno precedente l'estrazione degli ovociti, il ginecologo illustra alla coppia i dettagli del recupero del seme, specificando come, quando e dove consegnare il campione.

Il campione di seme usato per l'inseminazione degli ovociti è da ottenersi il giorno stesso della punzione follicolare. Soltanto in occasioni particolari, nella stessa giornata possono essere richiesti più campioni di seme al fine di selezionare gli spermatozoi migliori. Quando per ragioni eccezionali si preveda che il maschio non sia in grado di ottenere il campione di seme nel giorno stesso dell'inseminazione, si consiglia di informare il ginecologo affinché valuti la possibilità di congelare un campione di seme prima del ciclo di inseminazione.

Il processo di congelamento e decongelamento può alterare la viabilità di alcuni spermatozoi, ragione per la quale non si consiglia la crioconservazione di campioni di seme in cui si evidenzi un’oligoastenozoospermia grave. Il congelamento deve avvenire almeno 3-5 giorni prima dell'estrazione degli ovociti, previa profilassi antibiotica volta ad evitare una possibile contaminazione del campione stesso.

Le regole per la raccolta del campione sono le seguenti:

  • Astinenza sessuale nei 3-5 giorni precedenti alla raccolta del campione.
  • Profilassi antibiotica per evitare una possibile contaminazione del campione.
  • Il seme deve essere ottenuto per masturbazione, prendendo le misure igieniche appropriate.
  • Il campione di seme deve essere consegnato in un recipiente sterile dall'imboccatura larga che le sarà stato consegnato o che può acquistare in farmacia (come quelli per le analisi delle urine), debitamente contrassegnato con nome, giorni di astinenza e ora di raccolta.
  • È importante raccogliere tutto l'eiaculato, senza che se ne perda alcuna parte.
  • Il campione può essere raccolto nel centro stesso, ove si dispone di salette deputate alla raccolta, specificamente attrezzate a tale fine; nel caso la raccolta del campione avvenga fuori dal centro, è importante che sia consegnato al Laboratorio di andrologia entro massimo un'ora.
  • Al momento della consegna del campione, occorre specificare l'eventuale assunzione di farmaci o se si sia verificato alcun processo febbrile.

Una volta in laboratorio, il campione viene processato per selezionare gli spermatozoi dotati della miglior mobilità. Gli spermatozoi presenti in un campione di seme non hanno di per sé la capacità di fecondare l'ovocita. L'insieme di cambiamenti fisiologici a cui vanno incontro gli spermatozoi prima di acquisire la capacità di fecondare si chiama CAPACITAZIONE.
In vivo, la capacitazione spermatica ha luogo nel tratto riproduttivo della donna; in vitro, il processo può essere eseguito in laboratorio, tramite tecniche di lavaggio seminale e gradienti di densità.

Il seme processato in laboratorio prima dell'inseminazione degli ovociti ha due obiettivi principali.

  • Lavaggio seminale: eliminare il plasma seminale, gli spermatozoi immobili, gli spermatozoi dotati di scarsa mobilità e altre cellule non spermatiche.
  • Gradiente di densità: selezionare gli spermatozoi dotati di maggiore mobilità.

Two main objectives of semen processing in the laboratory before insemination of the oocytes

È importante evidenziare che la concentrazione e la mobilità degli spermatozoi ottenuti alla fine del processo dipende dalla qualità iniziale del campione.

Banca del seme

I campioni di seme del donatore del Servizio di Medicina della Riproduzione di Salute della Donna Dexeus provengono da banche esterne accreditate con le quali è stata stabilita una convenzione (Androgen SL; Sabater Tobella Análisis SA).

I candidati a donatore di seme sono sottoposti ad un rigoroso esame al fine di evitare la possibile trasmissione di malattie alla discendenza. Questo esame include, oltre allo studio del seme (seminogramma), uno studio genetico (cariotipo) e uno studio delle malattie infettive (epatite, sifilide, AIDS...).

La selezione dei donatori di seme si effettua secondo le caratteristiche fenotipiche e immunologiche delle donne ricettrici (gruppo sanguineo e Rh, peso, taglia, colore degli occhi, capelli, etc.).

I dati del donatore e della donna ricettrice sono conservati presso il centro in assoluto anonimato.

Microaspirazione spermatica / Biopsia testicolare

Nei casi di azoospermia (ostruttiva o secretoria) in cui non sia possibile trovare spermatozoi nell'eiaculato, sebbene questi vengono comunque prodotti dal testicolo, è possibile ricorrere all'estrazione tramite un semplice intervento chirurgico.

Il giorno stesso della punzione follicolare, l'andrologo, in sala operatoria e sotto anestesia locale, pratica un'aspirazione percutanea di spermatozoi per via testicolare (TESA) oppure, se necessario, una biopsia testicolare (TESE). Il fluido o tessuto ottenuto viene depositato in una provetta insieme contenente un apposito mezzo di lavaggio e trasportato immediatamente al Laboratorio di FIV, dove l'embriologo recupera gli spermatozoi esistenti nel campione.

È possibile che il campione ottenuto tramite aspirazione spermatica o biopsia testicolare non contenga spermatozoi atti alla fecondazione. 

Condividi

Go to top