Gravidanza

Giorno 14

A distanza di quattordici giorni dalla punzione follicolare, deve essere eseguito il primo controllo per verificare l'eventuale inizio di una gravidanza.

Nel caso non si sia verificata la mestruazione, si effettua quello stesso giorno la misurazione dei livelli di ßhCG nel sangue. Nel caso non fosse possibile effettuare tale analisi, il test di gravidanza può avere luogo due giorni più tardi. Nel caso si sia verificata la mestruazione prima del giorno 14, è necessario informare il centro telefonicamente.

Se abita fuori Barcellona e non può presentarsi personalmente presso il nostro centro, le modalità per verificare l'eventuale stato di gravidanza le verranno spiegati per via telefonica.

È importante tenere presente che alcuni trattamenti possono impedire la comparsa delle mestruazioni.

È inoltre fondamentale restare sempre in contatto con il team di FIV, sia in caso di esito positivo che negativo, al fine di stabilire il programma da seguire.

Per affrontare un nuovo ciclo di FIV sarà necessario lasciar trascorrere qualche mese, periodo in cui è comunque consigliabile continuare a controllare le date delle mestruazioni.

Gravidanza

Il risultato del "giorno 14" rivela se l'impianto degli embrioni trasferiti ha avuto successo, ma in tal caso, trattandosi di una gravidanza molto recente, è comunque prematuro affermare l'esistenza di un processo di gravidanza evolutivo.

In alcuni casi, durante le prime due settimane, la gravidanza viene tenuta sotto controllo mediante regolari analisi dell'ormone ßhCG nel sangue.

Se l'evoluzione è favorevole, si esegue un'ecografia per confermare la gravidanza e sapere se si tratti di una gravidanza unica o multipla. Non sempre è possibile, durante la prima ecografia, sentire il battito cardiaco del feto, quindi frequentemente questa deve essere ripetuta dopo alcuni giorni.

Le gestazioni multiple sono più frequenti con la FIV (20%) che con il concepimento naturale (1-2%). Ciò è dovuto al fatto che, in alcuni casi, il trasferimento embrionale riguarda più di un embrione. In realtà, le probabilità di ottenere trigemini è molto bassa. A volte, la prima ecografia può indicare la presenza di più sacchi gestazionali, che però in seguito non si sviluppano. La loro viabilità deve essere determinata tramite ecografie successive, che saranno programmate dal medico.

Durante la gravidanza non sarà effettuato alcun trattamento particolare in relazione all'origine tramite FIV e per i controlli si dovrà solo seguire le indicazioni del medico.

In seguito a FIV, così come accade anche in caso di concepimento naturale, possono verificarsi aborti, gravidanze ectopiche e malformazioni, che dovranno venire diagnosticate e trattate al momento opportuno.

  • Nel caso della FIV, il tasso di aborto si attesta intorno al 15%, essendo più frequenti gli aborti precoci rispetto a quelli che avvengono a gestazione inoltrata.
  • Il rischio di gravidanza ectopica (gestazione extrauterina) in seguito a FIV è dell'1%. L'ecografia è l'unico esame atto a confermare una gravidanza ectopica e, nel caso questa si verifichi, è necessario consultare immediatamente il ginecologo.
  • Le probabilità di malformazioni in una gravidanza FIV sono le medesime insite nel concepimento naturale. Normalmente, quando un embrione è portatore di qualche anomalia cromosomica, il suo sviluppo si interrompe con rapidità, persino prima dell'impianto; alcuni possono arrivare a impiantarsi ma non si sviluppano oltre il terzo mese e meno dell'1% giunge al termine, dando luogo alla nascita di un bambino con qualche tipo di anomalia, così come accade nella riproduzione spontanea.

Nel caso desideri eseguire una diagnosi prenatale (biopsia dei villi coriali, amniocentesi) per dissipare qualunque dubbio in proposito o nel caso i genitori appartengano a un gruppo a rischio (precedenti familiari o età avanzata), può inoltrare al suo medico una richiesta in tal senso. Gli esami in questione si effettuano tra la nona e la sedicesima settimana di gravidanza.

Parto

Per calcolare la data prevista per il parto, si considera che una gravidanza ha normalmente la durata di 40 settimane a partire dall'ultima mestruazione.

Nelle pazienti sottoposte a FIV, si fa risalire la data teorica dell'ultima mestruazione a 14 giorni prima della punzione follicolare.

Il tipo di parto (vaginale o cesareo) viene deciso dal medico secondo il caso specifico.

 

Condividi

Go to top