Categoria: Ginecologia

Uno studio facilita la diagnosi ecografica di patologie dell’endometrio basate sulla terminologia IETA

La Dott.ssa Maria Angela Pascual, direttrice di R&S&I del Servizio di Diagnostica Ginecologica per Immagini di Dexeus Mujer, ha partecipato a un ampio studio multicentrico europeo prospettivo in donne in pre- e post-menopausa allo scopo di descrivere i risultati ecografici delle patologie cavitarie ed endometriali utilizzando la terminologia dell’International Endometrial Tumor Analysis (IETA).

La base di dati consisteva di 2856 donne consecutive che presentavano un sanguinamento uterino anormale. In tutti i casi è stata eseguita un’ecografia Doppler a colore e in 1857 casi un’ecografia con instillazione di soluzione salina. L’istologia endometriale era disponibile in 2216 donne, che costituirono la popolazione dello studio. L’età media delle pazienti fu di 49 anni (variabilità, 19-92 anni). Il campionamento endometriale fu eseguito secondo il protocollo locale di ogni centro.

In totale sono stati diagnosticati polipi endometriali in 751 (33,9 %) donne, fibromi sottomucosi in 223 (10,1 %) e cancro di endometrio in 137 (6,2 %). Nessuna (0 % [IC 95 %, 0,0-5,5 %]) delle 66 donne con uno spessore endometriale < 3 mm aveva un cancro di endometrio o iperplasia atipica/EIN. Il cancro di endometrio o l’iperplasia atipica/EIN fu trovato in tre di 283 (1,1 % [IC 95 %, 0,4-3,1 %]) endometri con un modello trilaminare, in tre di 459 (0,7 % [IC 85 %, 0,2-1,9 %]) endometri con una linea media lineale e in cinque di 337 (1,5 % [IC del 95 %, 0,6-3,4 %]) endometri con un singolo vaso non ramificato su ecografia senza soluzione salina.

Gli autori hanno concluso che il rilevamento di alcune caratteristiche IETA facili da valutare (spessore dell’endometrio < 3 mm, modello trilaminare, linea media regolare e singolo vaso senza ramificazioni) è associato a una bassa probabilità di cancro di endometrio.

Articolo di riferimento:
Typical ultrasound features of various endometrial pathologies described using International Endometrial Tumor Analysis (IETA) terminology in women with abnormal uterine bleeding
T Van Den Bosch, J Y Verbakel L Valentin, L Wynants, B De Cock, M A Pascual, F P G Leone, P Sladkevicius, J L Alcazar, A Votino, R Fruscio, C Lanzani, C Van Holsbeke, A Rossi, L Jokubkiene, M Kudla, A Jakab, E Domali, E Epstein, C Van Pachterbeke, T Bourne, B Van Calster, D Timmerman.
Observational Study Ultrasound Obstet Gynecol. 2021 Jan;57(1):164-172.
doi: 10.1002/uog.22109.

Uno studio analizza la tecnica migliore per prevenire il sanguinamento nelle miomectomie

In Dexeus Mujer usiamo solitamente due tecniche per mantenere l’emostasi: il clipping temporaneo delle arterie uterine alla loro origine e dei vasi ovarici a livello dell’infundibolo pelvico e l’iniezione intramiometriale di adrenalina prima di eseguire l’isterectomia. Entrambe le procedure sono sicure e solo in un numero ridotto di casi comportano complicazioni. Tuttavia, l’iniezione di adrenalina è associata a effetti collaterali come l’ipertensione, la bradicardia, le aritmie e l’arresto cardiaco. Il clipping è un’alternativa, ma fino a questo studio non si sapeva se il tasso di complicazioni emorragiche potesse essere simile, ed è un’opzione meno diffusa perché richiede esperienza nella sua applicazione.

In totale, sono stati analizzate 625 pazienti che sono state sottoposte a chirurgia tra gennaio 2009 e dicembre 2019. La loro età media era di 37,82 anni e il 69,8 % aveva dei sintomi. I sintomi più comuni erano sanguinamento (33,2 %), aumento del volume pelvico (24,2 %) e problemi di fertilità (24 %).

Gli autori dello studio concludono che il clipping temporaneo delle arterie uterine alla loro origine e dei vasi ovarici è la tecnica migliore per ridurre il rischio di emorragia durante l’intervento, anche se non è una procedura diffusa, poiché richiede esperienza nell’applicazione di questa tecnica. Lo studio ha anche dimostrato che la miomectomia laparoscopica è una tecnica sicura, che in generale offre grande successo chirurgico e riproduttivo successivo. Tuttavia, gli autori ammettono che il loro studio ha diverse limitazioni, poiché si tratta di uno studio eseguito in un unico centro medico, che è principalmente descrittivo e si basa sulla loro esperienza, e che sono necessari ulteriori studi per trarne conclusioni definitive.

Studio di riferimento:
Evolution of laparoscopic myomectomy and description of two hemostatic techniques in a large teaching gynecological center
Sandra Coll, Silvia Feliu, Claudia Montero, Maria Pellisé-Tintoré, Francesc Tresserra, Ignacio Rodríguez Pere Nolasc Barri-Soldevila.
Eur J Obstet Gynecol Reprod Biol. 2021 26 26; 265181-189. DOI: 10,1016 / j.ejogrb.2021.08.023.

Il rischio di dinapenia aumenta in funzione dell’età e dell’adiposità

Le variabili analizzate erano: età, età all’inizio della menopausa, fumo di tabacco, forza di presa, indice di massa corporea e adiposità valutata tramite impedenza bioelettrica. Il livello di attività fisica è stato valutato utilizzando il Questionario Sull’Attività Fisica Quotidiana (IPAQ). La densità minerale ossea è stata riportata in base ai valori T-score, e sono stati misurati i parametri biochimici del sangue (calcio, fosforo, vitamina D e livelli di paratormone).

Secondo i risultati, il 31,3 % delle donne soffriva di dinapenia e quelle che avevano raggiunto i 65 anni o di più avevano una forza di presa inferiore. L’inizio della menopausa prima dei 51 anni era anche associato a una minore forza di presa. Inoltre, il contenuto di grasso pari o superiore al 40 % e l’osteopenia/osteoporosi erano anche associati a una minore forza muscolare. Invece, non ci sono state differenze statisticamente significative nella diminuzione della forza di presa in relazione all’indice di massa corporea, all’abitudine al fumo e ai livelli di vitamina D nel plasma.

Gli autori concludono che la diminuzione della forza di presa è associata all’età all’inizio della menopausa, alla densità minerale ossea e all’adiposità adeguata all’età. L’età e l’adiposità sono state significativamente associate a un aumento del rischio di dinapenia.

Articolo di riferimento:
Handgrip strength, dynapenia, and related factors in postmenopausal women
Pascual García-Alfaro, Sandra García, Ignacio Rodríguez, Faustino R Pérez-López.
Menopause 2021 Oct 18. DOI: 10,1097/GME.0000000000001872.

Dexeus Mujer partecipa a una guida SEGO per la diagnosi ecografica delle malformazioni uterine

La Dott.ssa Betlem Graupera, Responsabile del Servizio di Diagnostica per Immagini Ginecologica (DGI) presso Dexeus Mujer, fa parte del gruppo di quattro esperti che hanno preparato una Guida per la diagnosi delle malformazioni uterine (MU) e delle anomalie del tratto genitale inferiore, pubblicata dalla Società Spagnola di Ginecologia e Ostetricia (SEGO).

La guida fornisce informazioni sugli ultimi lavori effettuati in questo settore e valuta l’efficacia diagnostica delle diverse tecniche di esame in termini di sensibilità e valore predittivo. Offre inoltre dati di prevalenza nella popolazione e indica che l’ecografia tridimensionale (ecografia 3D) è considerata la tecnica di prima linea nella diagnosi di MU, e deve essere sempre accompagnata da un’attenta visita ginecologica bimanuale e dalla speculoscopia (per un adeguato studio della la cervice e la vagina). Allo stesso modo, offre indicazioni pratiche per la realizzazione della cattura del volume 3D, nonché della ricostruzione di questi volumi per ottenere la diagnosi delle malformazioni.

Le tecniche isteroscopiche e laparoscopiche sarebbero riservate a casi complessi o che potrebbero beneficiarne per il loro trattamento. La risonanza magnetica (MRI) è sempre più limitata nel suo utilizzo in questa diagnosi poiché raramente fornisce nuove informazioni a quelle fornite dall’ecografia 3D.

La guida comprende anche una tabella che indica le equivalenze tra i diversi tipi di MU secondo i due sistemi di classificazione più utilizzati, quello stabilito dalla American Fertility Society (AFS) e quello della European Society of Human Reproduction and Embryology e della European Society di Endoscopia Gastrointestinale (ESHRE / ESGE) nonché le caratteristiche ecografiche di ciascuno, sia per le ecografie convenzionali che per le ecografie 3D, e offre raccomandazioni ai professionisti durante la preparazione dei referti.

La clamidia è la IST più comune in Catalogna tra le giovani donne tra i 18 e i 24 anni

In Catalogna, la prevalenza globale di Chlamydia trachomatis (TC) descritta è del 4%, ma è noto che è molto più frequente nelle giovani donne, quindi le organizzazioni internazionali raccomandano uno screening regolare di questa popolazione, poiché in generale, le persone infette sono asintomatiche.

Dal 2019, il centro Dexeus Mujer effettua regolarmente screening TC tra le donne sessualmente attive di età compresa tra i 18 e i 24 anni che si recano a visite ginecologiche. Per questo motivo, ha deciso di realizzare uno studio prospettico, guidato dalla Dott.ssa Núria Parera, responsabile dell’Unità di Ginecologia dell’Infanzia e dell’Adolescenza, al fine di valutarne la prevalenza in questa fascia di popolazione.

In totale, sono state selezionate 516 pazienti che erano state sottoposte a screening IST tra maggio 2017 e maggio 2019, con una media di 22,0 ± 1,9 anni. Tutte sono state preventivamente informate sulle caratteristiche dello studio e hanno firmato un consenso informato.

I risultati del lavoro confermano la frequenza di questa infezione batterica tra le giovani donne sotto i 25 anni che vivono in Catalogna, dal momento che il 4,5% è risultato positivo alla CT nel test. Tuttavia, i suoi autori indicano che la sua prevalenza è probabilmente più alta, poiché “il nostro studio è limitato alle pazienti che hanno frequentato un centro privato, ma la maggior parte delle donne sotto i 25 anni non frequenta le visite ginecologiche e, se lo fanno, di solito è una tantum o per consultare altri problemi, quindi questa IST è sottodiagnosticata”, sottolinea la Dott.ssa Parera. Lo studio è stato recentemente pubblicato sulla rivista ufficiale della Società Spagnola di Ginecologia e Ostetricia.

Articolo di riferimento:
Prevalencia de la infección por Chlamydia trachomatis en mujeres adolescentes y jóvenes que acuden a una consulta ambulatoria de ginecología
Progresos de Obstetricia y Ginecología, revista Oficial de la Sociedad Española de Ginecología y Obstetricia; volumen 63, número 4, Págs. 212-272, ISSN: 0304-5013

La Società Catalana di Citopatologia rafforza il controllo di qualità delle analisi citologiche

Il controllo di qualità negli studi citologici, in particolare nel campo delle citologie cervicali e vaginali, è una delle raccomandazioni nello screening del cancro cervicale stabilite dalle società nazionali e internazionali, inclusa la Società spagnola di ginecologia e ostetricia (SEGO – Sociedad Española de Ginecología y Obstetricia), la Società Spagnola di Anatomia Patologica (SEAP – Sociedad Española de Anatomía Patológica), l’Associazione Spagnola di Patologia Cervicale (AEPCC – Asociación Española de Patología Cervical) e la Società Spagnola di Citologia (SEC – Sociedad Española de Citología), tra le altre. 

In Spagna non esistono regolamenti specifici per i laboratori di citologia paragonabili a quelli che sono stati istituiti in altri paesi, come gli Stati Uniti. I laboratori necessitano di un’autorizzazione amministrativa per eseguire le analisi, che rientra nel regolamento generale dei centri ospedalieri in cui svolgono la loro attività. Per questo il loro corretto funzionamento si basa sul rispetto delle linee guida stabilite dalle società scientifiche. A tale scopo, la Società Catalana di Citopatologia ha redatto una Guida di Qualità in linea con le normative vigenti, in particolare la normativa UNE-En ISO 15189.

Lo sviluppo di questi nuovi indicatori rappresenta la seconda fase di questa guida e rappresenta un importante contributo per completare il progetto e adattare la normativa in modo specifico alle citologie. Tale approfondimento è stato guidato dal Dott. Francesc Tresserra, responsabile dell’R&S Ginecologico di Dexeus Mujer e capo del Servizio di Anatomia Patologica dell’Hospital Universitario Dexeus.

Studio di riferimento:

Tresserra F. Temprana J. Vazquez C et al. Developing indicators for quality assurance in cytopathology. Catalan Society of Cytopathology. Diagnostic Cytopathology. 2020; 1-14 https://doi.org/10.1002/dc.24639

Link alla Guida (pdf): Guida di Qualità in Citopatologia

© 2022 Blog Campus

Theme by Anders NorenUp ↑