Una buona risposta ovarica si associa a percentuali di nascite più elevate, sia nei cicli a fresco sia in quelli da scongelamento

Una buona risposta ovarica si associa a percentuali di nascite più elevate, sia nei cicli a fresco sia in quelli da scongelamento

Diversi dati documentali dimostrano che il tasso cumulativo di nascite di bambini tramite riproduzione assistita cresce in modo graduale e continua di pari passo con l'aumento del numero di ovociti ottenuti, raggiungendo il valore massimo quando si ottengono tra 10 e 15 ovociti. Oltre questo numero, la percentuale si stabilizza e inizia a calare.

Tuttavia, questi dati analizzano solamente i risultati a partire dalla risposta ai trattamenti di stimolazione ovarica nelle donne al primo ciclo di FIV a fresco, senza considerare le possibilità offerte dalle tecniche di crioconservazione di ovociti ed embrioni.

Un ampio studio multicentrico guidato dal Dott. Nikolaos Polyzos, direttore clinico e scientifico del Servizio di Medicina della Riproduzione di Salute della Donna Dexeus, ha analizzato la risposta al trattamento ormonale di stimolazione ovarica in un ampio campione di oltre 14 469 donne, provenienti da 15 ospedali di riferimento, che sono state sottoposte a follow-up per un periodo di almeno due anni dopo la FIV o la ICSI, sia con embrioni freschi sia con embrioni crioconservati.

I risultati rivelano che il tasso cumulativo di nascite ha superato il 70% quando sono stati ottenuti in totale 25 o più ovociti, senza alcuna stasi oltre questo numero. Considerando solo i cicli a fresco, 13 ovociti sono considerati il numero ottimale, poiché le possibilità di ottenere la nascita di un bambino in questo caso superano il 36%. Con più di 20 ovociti non è stato osservato alcun calo significativo, che è però emerso con numeri successivi, probabilmente perché da questo numero in avanti si tende a congelare gli ovociti e a realizzare meno cicli a fresco.

I risultati di questo studio si basano sull'analisi di dati retrospettivi ed è possibile che presentino alcune distorsioni; tuttavia, in qualsiasi caso essi indicano una scarsa probabilità che i trattamenti di stimolazione ovarica realizzati nella riproduzione umana assistita abbiano un effetto negativo sulla qualità degli ovociti o degli embrioni ottenuti, sia nei cicli a fresco sia dopo la crioconservazione.

Session 48: Outcomes and ovarian stimulation
Exposé : Cumulative live birth rates following the first ovarian stimulation for IVF/ICSI. A European multicenter analysis of ~15.000 women using individual patient data
Speaker: Polyzos Nikolaos P.
Direttore scientifico e clinico del Servizio di Medicina della Riproduzione, Dipartimento di Ostetrica, Ginecologia e Medicina della Riproduzione, Ospedale Universitario Dexeus, Barcellona, Spagna

Richiedi maggiori informazioni

(+34) 93 227 48 96

O compila questo modulo e ti chiameremo il prima possibile

Voglio essere informata sulle ultime novità di Dexeus Mujer e ricevere la newsletter:
Se hai bisogno di informazioni, contatta il nostro Servizio di assistenza alla paziente internazionale.