L'impiego di desogestrel per via orale nella stimolazione ovarica consente di ridurre i costi e le dosi del farmaco nelle donatrici di ovuli

L'impiego di desogestrel per via orale nella stimolazione ovarica consente di ridurre i costi e le dosi del farmaco nelle donatrici di ovuli

Un gruppo di ricercatori del Servizio di Medicina della Riproduzione di Dexeus Mujer, guidato dalla dott.ssa Francisca Martínez, ha condotto uno studio osservazionale incrociato sulle donatrici di ovuli al fine di sapere se la somministrazione di desogestrel (DSG) per via orale nei cicli di stimolazione ovarica per sopprimere l'ormone follicolo-stimolante (FSH) offrisse gli stessi risultati - in termini di ottenimento di ovociti e di tasso di gravidanza - rispetto alla somministrazione di iniezioni di antagonisti (ANT).

Lo studio è stato condotto su un campione di 35 donatrici di ovuli sottoposte a due trattamenti di stimolazione ovarica con corifollitropina (CFT) - uno con desogestrel per via orale (CFT-DSG) e l'altro con iniezioni di antagonisti (CFT-ANT) - tra il febbraio 2015 e il maggio 2017, e per un periodo di meno di 20 mesi tra entrambi i trattamenti.

I ricercatori hanno confrontato i risultati ottenuti in un totale di 54 riceventi, in cicli di donazione di ovociti freschi (29 provenienti da cicli di CFT-ANT e 25 da cicli di CFT-DSG).

In totale, il numero di ovociti ottenuti è stato di 17,4 ± 7,53 (CFT-ANT) e di 18,63 ± 8,99 (CFT-DSG). La media di embrioni trasferiti è stata di 1,3 ± 0,7 nel gruppo CFT-ANT e di 1,1 ± 0,6 nel gruppo CFT-DSG; e il tasso di gravidanza è stato simile in entrambi: rispettivamente 52,0% vs. 58,6%.

Tuttavia, rispetto ai cicli di CFT-ANT, nei cicli di CFT-DSG alle donatrici sono state somministrate meno iniezioni e una dose minore del farmaco, per cui questi ultimi trattamenti sono risultati più soddisfacenti, a suo parere, e più semplici, oltre a comportare un costo economico inferiore. In più, non è stato annullato nessun ciclo per risposta ovarica insufficiente, né si è verificato alcun caso di sindrome da iperstimolazione ovarica.

Gli autori concludono, quindi, che la somministrazione di desogestrel per via orale nei trattamenti di stimolazione ovarica con corifollitropina (CFT-DSG) consente di ridurre la somministrazione di iniezioni ormonali quotidiane e la dose ormonale di farmaco somministrato alle donatrici di ovuli, rappresentando così un'opzione più semplice, soddisfacente ed economica - dal punto di vista dei costi per il farmaco - con un'efficacia pari a quella offerta dalla somministrazione di iniezioni ormonali di antagonisti.

Cheaper, simpler, better: oral desogestrel versus antagonist injections for LH suppression in corifollitropin-stimulated cycles in the same oocyte donor. A crossover study.
F. Martínez, D. Rodríguez, E. Clua, J. Rodríguez-Purata, I. Rodríguez, B. Coroleu.
Department of Obstetrics, Gynaecology and Reproduction. Hospital Universitari Dexeus, Barcelona.
ESHRE 2018 poster

Richiedi maggiori informazioni

(+34) 93 227 48 96

O compila questo modulo e ti chiameremo il prima possibile

Voglio essere informata sulle ultime novità di Dexeus Mujer e ricevere la newsletter:
Se hai bisogno di informazioni, contatta il nostro Servizio di assistenza alla paziente internazionale.