Uno studio conferma la relazione tra valori glicemici inferiori ai valori indicativi di diabete gestazionale e complicanze ostetriche e neonatali nelle donne dell'area mediterranea

Uno studio conferma la relazione tra valori glicemici inferiori ai valori indicativi di diabete gestazionale e complicanze ostetriche e neonatali nelle donne dell'area mediterranea

Uno studio internazionale su donne in gravidanza provenienti esclusivamente dal Nord Europa Europa (the HAPO study) ha evidenziato che livelli di glicemia al di sotto di quelli considerati indicativi di diabete gestazionale si sono associati a un maggior rischio di problemi ipertensivi durante la gravidanza, parti prematuri, indicazioni di parto cesareo, macrosomia, e altre complicanze ostetriche e neonatali. Conseguentemente, l'Associazione internazionale dei Gruppi di studio su diabete e gravidanza (IADSPSG, International Association of the Diabetes and Pregnancy Study Groups) ha deciso di rivedere i valori utilizzati nei test della glicemia a cui vengono abitualmente sottoposte le donne in gravidanza e ha stabilito nuovi standard, abbassando la soglia associata alla diagnosi di diabete gestazionale. Nonostante ciò, le opinioni espresse a livello internazionale su questa questione sono difformi, in molti centri spagnoli sono seguiti criteri precedenti, come quelli indicati dal National Diabetes Data Group (NDDG), che considera normali valori tra 100 e 105 mg/dl, e anche oltre 105 mg/dl, mentre la IADSPSG stabilisce una diagnosi di diabete gestazionale a partire da valori superiori a 92 mg/dl.

Poiché l'incidenza del diabete gestazionale è maggiore del 4-5% circa nei paesi del Mediterraneo rispetto ad altre parti dell'Europa, la Società Spagnola di Diabetologia ha raccomandato di ampliare gli studi sulla popolazione locale per stabilire se i valori attualmente applicati al momento della diagnosi di diabete gestazionale siano quelli adeguati. Per questo motivo, un gruppo di ricercatori guidato dalla Dott.ssa Gemma Sesmilo, responsabile del Servizio del Dipartimento di Endocrinologia, Nutrizione e Diabete dell'Ospedale Universitario Dexeus, e l'équipe medica di Salute della Donna Dexeus, hanno deciso di condurre uno studio in Catalogna allo scopo di verificare se i risultati dello studio HAPO possano essere applicati anche alle donne dell'area del Mediterraneo.

La ricerca è stata effettuata su un totale di 5203 donne in gravidanza con feto unico, con un'età media di 33,8 anni, sottoposte al test della glicemia nel secondo trimestre di gestazione presso l'Ospedale Universitario Dexeus (tra il 2008 e il 2015). Ai fini della valutazione, i valori della glicemia a digiuno sono stati suddivisi in 7 fasce: 1: < 75 mg/dl, 2: 75–79 mg/dl, 3: 80–84 mg/dl, 4: 85–89 mg/dl, 5: 90–94 mg/dl, 6: 95–99 mg/dl e 7: 100–124 mg/dl.

I risultati hanno confermato che, esattamente come rivelato dallo studio HAPO, esiste un'associazione positiva tra complicanze ostetriche e neonatali e livelli di glicemia che, secondo i criteri del NDDG, non sono considerati indicativi di diabete gestazionale, una circostanza per la quale le pazienti che si trovano in condizioni di rischio durante la gravidanza non ricevono indicazioni di tipo nutrizionale, né altro genere di trattamento. Di conseguenza, gli autori raccomandano che i test glicemici siano considerati un marcatore di rischio ostetrico e consigliano una revisione dei valori stabiliti dal NDDG adottati da alcuni centri del nostro paese. Analogamente, viene indicata la necessità di valutare quale possa essere il miglior trattamento da somministrare per le diverse fasce della glicemia stabilite e pertanto per i diversi livelli di rischio potenziale.

Maternal fasting glycemia and adverse pregnancy outcomes in a Mediterranean population
Sesmilo G, Meler E, Perea V, Rodríguez I, Rodríguez-Melcón A, Guerrero M, Serra B.
Acta Diabetol. 2017 Mar;54(3):293-299. doi: 10.1007/s00592-016-0952-z. Epub 2017 Jan 3.
Articolo originale

Richiedi maggiori informazioni

(+34) 93 227 48 96

O compila questo modulo e ti chiameremo il prima possibile

Voglio essere informata sulle ultime novità di Dexeus Mujer e ricevere la newsletter:
Se hai bisogno di informazioni, contatta il nostro Servizio di assistenza alla paziente internazionale.